Da Moana e cicciolina a Valentina Nappi – La storia del porno italiano

Sono passati più di 30 anni, dalla prima rivoluzione del porno. Parliamo di quel periodo agli inizi degli anni 80‘, quando in Italia, con l’evento dei VSH (le videocassette) e i videoregistratori, si diffonde nelle case degli italiani la visione della pornografia. Acquistate spesso in orari notturni presso l’edicole o noleggiate anonimamente nei noleggi automatici con tessera, il porno, inizia a godere di grande popolarità
e di fatto si ha uno “sdoganamento”, di massa, di antichi pregiudizi ed eccessi di morale.

Le icone del porno di quegli anni, sono le pornostar Moana Pozzi e la ungherese  Ilona Staller alias Cicciolina. Le due pornostar, vengono guidate nella loro ascesa nel porno, dal produttore e regista Riccardo Schicchi, questo a sua volta ex marito della bellissima Eva Henger, anche lei pornostar ungherese, molto nota in Italia negli anni 90′ e nel 2000.

Il porno italiano, in quegli anni ha un boom incredibile, che non si limita solo alla nostra penisola, ma sconfina al di fuori dell’Italia e dell’Europa, avendo gran successo soprattutto negli Stati Uniti.
Le pellicole italiane e le pornostar di casa nostra, diventano famose in tutto il mondo e si parla di “Spaghetti Porno”, parafrasando il successo filmatografico che negli anni precedenti, stava attraversando il genere Wester italiano diretto da Sergio Leone e che veniva detto “Spaghetti Wester“, dove il termine spaghetti, era inteso come “omaggio” alla terra italica.

Questo favoloso ciclo del porno italiano, ebbe un declino con l’improvvisa morte di Moana Pozzi, avvenuta nel 1994. Segue un’altra fase, nel quale il cinema porno ha sempre un buon vigore e popolarità. L’erede di Moana Pozzi, viene individuata in Selen, all’anagrafe Luce Caponegro. Sono anni comunque importanti, dove il cinema per adulti, continua a sfornare pellicole d’autore, apprezzate oltre che per le pure scene di sesso, anche per la complessità della trama.

Con l’esplosione di internet e della banda larga, le produzioni, subiscono un forte rallentamento. Nascono i primi siti porno come youporn, tube8,  e xhamster, mentre  in Italia nasce italianoxxx.com, un interessante porno tube, dedicato solo al porno italiano, dove si possono trovare gratuitamente interi film porno italiani o con protagoniste del nostro cinema, sia dai tempi di Moana e Cicciolina (genere vintage)sia film più attuali.

Il porno diventa, fondamentalmente gratis e fruibile facilmente da tutti. I guadagni per produttori,registi e pornostar,diventano molto più bassi e difficili. Cresce invece il cinema porno amatoriale, quello realizzato gratis o quasi, dove coppie e donne esibizioniste, per puro piacere si mettono in mostra mentre fanno sesso. Da qualche anno, vi è però un’altra pornostar italiana, che sta facendo parlare molto di sé; si tratta della campana Valentina Nappi, che esordisce nel porno a 20 anni, grazie soprattutto alla leggenda del porno italiano e mondiale Rocco Siffredi.
Valentina rappresenta al momento, la pornostar italiana più famosa nel mondo anche se vivamente speriamo che ce ne possano essere presto altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *